Daily Archives: 1 Aprile 2019

HI LITE Next ANOTHER LIGHT Milano Design Week 2019

ANOTHER LIGHT, another brick, another glass
Un Altro Vetro! Essenziale, Poetico, Flessibile, Rigenerato. Un’altra Luce!
Milano Design Week 2019
9 – 14 APRILE H.10-22

In occasione della Milano Design Week 2019 HI LITE NEXT presenta ANOTHER LIGHT : un duplice progetto allestitivo nato da un’idea di HI LITE Next e Andrea Borri Architetti con Simes che esplora l’incontro della luce con materiali da costruzione in “Another Brick” e scarti della lavorazione del vetro di Murano in “Another Glass”. Le creazioni di Giopato&Coombes, Luxonov e Florence Di Benedetto completano l’allestimento.

Vi aspettiamo dall’8 al 14 Aprile in Via Brera 30 dalle 10.00 alle 22.00

ANOTHER BRICK

HI LITE Next si proietta nello spazio pubblico antistante lo storico showroom di via Brera 30, con un progetto allestitivo dedicato alla luce strutturale. “Another brick” è il titolo dell’installazione: una porzione di volta a botte in mattoni pieni, una superficie avvolgente e materica che si ispira alle forme archetipe della tradizione per rappresentare un prodotto estremamente innovativo, il mattone luminoso. Protagonista di questa speciale vetrina è Simes azienda leader nel campo della luce per esterni, e da sempre impegnata nella ricerca della massima integrazione tra luce e architettura.

Il progetto Brick of Light nasce dalla composizione della materia del vetro e della forma del mattone e, grazie alle più recenti tecnologie LED, diventa al tempo stesso fonte luminosa ed elemento costruttivo. I mattoni di luce, integrati nella tessitura muraria della volta, connotano lo spazio trasformandolo in un suggestivo luogo di incontro ad aggregazione, un punto riconoscibile nel cuore pulsante di Brera.

ANOTHER GLASS

Da Materiale Di Scarto A Pezzi Unici
Un vetro di scarto della lavorazione del vetro di Murano fornito a dieci tra designer e architetti italiani per la creazione di una lampada: un semilavorato in attesa di essere rigenerato che si trasforma in un pezzo unico, forte, essenziale, poetico, flessibile. In un’altra luce!

Il progetto nasce dalla volontà di continuare a dare vita ad uno dei più incredibili materiali della storia dell’uomo: il vetro, e in particolare ad una delle sue forme più importanti ed espressive, il vetro di Murano, partendo dal recupero degli scarti della sua lavorazione.

Da sempre l’ossessiva ricerca della perfezione che caratterizza le grandi fornaci di Murano porta alla generazione di grandi quantità di scarti. Sia ben chiaro, questi scarti sono scarti artistici imperfetti solo all’occhio dell’esperto o dello stesso artista che stabilisce soggettivamente qual’è il livello di perfezione e bellezza da lui richiesto.

Per HI LITE Next quindi questi scarti sono visti e concepiti non come “scarti” ma come dei semi lavorati in attesa di essere rigenerati e affidati a dieci tra designer e architetti italiani per essere trasformati in lampade delle più svariate forme e sensibilità.

Questi i dieci progetti che saranno presentati in anteprima da HI LITE Next durante la Milano Design Week :

CANDLE design by Attilio Ladina, OBELYX design by Vittorio Carena (Vittorio Carena Studio), LUMÈTA design Ryuta Okano e Nicola Vanossi, PIVÒ design Six Plus Architetti, TWIST design Andrea Manfredi AntiMeridian design consultancy, ICE design Barbara Rigolio e Davide Turconi, LUI, LEI design LF2lab Francesca Scotti e Florence Di Benedetto, FIORELLINO design by Simone Colombo, THORO design Giuseppina Motta, OASIS design by Maddalena Battaglia, NIGHT SHIFT design Jacopo della Fontana – D2U

L’economia delle materie prime e il loro potenziale scartato, sono in fondo, anch’esse una qualità della bellezza. Il riuso e la rigenerazione sanno essere belli oltre che eticamente da perseguire, e hanno molte ragioni per conquistare il successo raccontando con evidenza sia le origini degli oggetti rigenerati sia l’incredibile modernità della nuova creazione. Questa è la sfida di HI LITE Next per il futuro: implementare questo concept, allargarlo, estremizzarlo per creare lampade e progetti partendo da materiali di scarto all’apparenza meno nobili, ma altrettanto validi, per la creazione di oggetti sempre più contemporanei, innovativi e ricchi di fascino.

SIMES ANOTHER BRICK @ HI LITE NEXT Milano Design Week 2019

ANOTHER BRICK by SIMES
HI LITE Next Milano Design Week 2019

In occasione della Milano Design Week 2019 Simes si proietta nello spazio pubblico antistante lo storico showroom di HI LITE Next in via Brera 30, con un progetto allestitivo dedicato alla luce strutturale. Questa speciale vetrina vuole rappresentare un concetto di totale integrazione tra luce e architettura, all’interno del contesto creativo di Brera.

ANOTHER BRICK

Con il recentissimo Brick of Light, Simes esplora il tema della luce strutturale e si presenta a Brera con un’installazione che si ispira alle forme archetipe della tradizione per rappresentare un concetto nuovo e creativo. Una semplice volta a botte funge da ponte d’entrata per lo showroom di Hilite Next, partner di Simes, per rappresentare il tema della luce strutturale all’interno del cuore pulsante di Brera.  Il concept architettonico proposto dallo Studio Andrea Borri Associati ha tra i suoi obiettivi quello di trasformarsi in vero e proprio percorso esperienziale e si basa sui seguenti elementi:

Brick of Light

L’innovativo prodotto di Simes che si propone di dare una nuova interpretazione all’elemento primo dell’architettura, il mattone, che per millenni si è mantenuto invariato nell’immaginario collettivo e viene ora riproposto quale fonte luminosa supportata dalle più recenti tecnologie a LED.

Una volta a botte di mattoni a vista

Una forma primordiale, riconoscibile, un elemento iconico fin dall’antichità, che con la sua struttura avvolgente ci fa sentire protetti, riparati.  “Another Brick”, mattoni di luce diversi da quelli che tradizionalmente conosciamo, illuminano la volta a botte durante le ore di buio.

Le persone L’installazione di Simes, lungi dal rappresentare un muro, una parete, che quindi tende a dividere e separare, è un vero e proprio luogo di incontro, di dialogo e di aggregazione  caratterizzato da uno spiccatissimo fervore creativo.

E così lo spazio diventa luogo

All’interno della volta a botte lo spazio diventa luogo, perché assume una forma riconoscibile e delimitata dai precisi confini e viene connotato da un elemento fortemente identificativo e riconoscibile.

Il vetro quale materia strutturale e portante

In tempi recenti, il vetro in architettura ha dato un decisivo e concreto contributo alla soluzione del rapporto tra vuoto e pieno, tra esterno e interno, tra luce e ombra. Con lo sviluppo della tecnologia, che ne ha saputo sfruttare le stupefacenti qualità, il vetro è diventato sempre di più un vero e proprio protagonista della scena architettonica: un materiale strutturale completo grazie a lavorazioni, trattamenti, accoppiamenti. Brick Light si compone di un vetro pieno e robusto, in grado di supportare il peso dell’architettura con una capacità di carico pari a quasi due volte rispetto a quella di un nomale mattone (100N/ mm² vs 60N/mm²). Il vetro che compone Brick Light è un vetro colato a stampo, che consiste nella più antica e artigianale tecnica di lavorazione: il vetro viene fuso e colato direttamente dentro appositi stampi; ogni stampo, ogni cottura conferisce un’impronta unica e irripetibile, estremamente bella nella sua imperfezione.

Dalla collaborazione con l’architetto Paolo Rizzatto
…Il progetto di Brick Light deriva dal mattone la forma geometrica, elementare ed astratta, dal vetro massiccio la materia trasparente, riflettente e diffondente e le “con-pone” con le nuove opportunità offerte dall’elettronica e dalla tecnologia LED.”

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google