Damascegliere Cocktail bar & Restaurant a Milano

Ha quell’eleganza milanese di tempi passati. Linee minimal, dettagli studiati, palette di colori che sfuma dal grigio cemento all’ottone brunito fino al verde brillante e un design minuzioso con un arredamento che rievoca la raffinatezza degli Anni Cinquanta.

HI LITE Next icon 1 Illuminazione domotica audio video

DATI PROGETTO

Damascegliere, Cocktail Bar And Restaurant, Corso Garibaldi 34, Milano, Italia, 2016

HI LITE Next icon Illuminazione domotica audio video

TIPOLOGIA DI INTERVENTO

Progettazione Illuminotecnica HI LITE Next

HI LITE Next icon 3 progettazione illuminotecnica

PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

Progettazione Architettonica SBG Architetti
Interior Design Daniela Mc Perazzi

Ha quell’eleganza milanese di tempi passati. Linee minimal, dettagli studiati. Una palette di colori che sfuma dal grigio cemento all’ottone brunito fino al verde brillante delle stampe jungle che decorano le pareti. Un design minuzioso con un arredamento che rievoca la raffinatezza degli Anni Cinquanta. Dalle piastrelle cementine dall’allure francese alle lampade vintage fino alle divise ispirate ai camici dei farmacisti. Un nuovo locale lontano da canoni estetici prestabiliti.

Damascegliere è un ristorante cocktail bar situato nel cuore del quartiere di Brera a Milano.
Si tratta di un progetto di recupero a partire da un locale pubblico precedente, disposto su due livelli sovrapposti entrambi con coperture a volta di mattoni a vista. La disposizione degli ambienti è stata modificata in modo da fare della direzione longitudinale il punto di forza dello spazio, in continuità con lo spazio esterno che è in questo modo stato integrato nel disegno “a bancone” dei tavoli. A questo proposito la grande vetrina ad arco così come gli ingressi ai lati si aprono interamente rendendo il locale un tutt’uno con l’esterno. L’adeguamento impiantistico è stato realizzato in modo non visibile, lasciando libere in particolare le volte in mattoni. Gli interni sono stati progettati da SBG architetti e Daniela Perazzi. La cucina a vista è separata da una vetrata semitrasparente e da ante integrate nell’arredo che permettono la continuità visiva del locale verso il cortile interno. Al piano interrato le pareti cieche sono state rivestite di mensole luminose e specchi.

Elementi luminosi  Viabizzuno, Flos, Nemo

Hi Lite next icon photographer

FOTOGRAFIE

Alessandra Ondeggia

Share on